Durante la pandemia, il centrodestra piemontese studiava come privatizzare il CSI. E in queste ore prova l’affondo.


desüèto agg. [dal lat. desuetus], letter. – 1. Non più abituato a qualche cosa; 2. Non più in uso, uscito dall’uso

Con questa motivazione il Centrodestra in Regione Piemonte a fine febbraio predisponeva la soppressione della disposizione che qualifica il CSI Consorzio informatico quale ente di diritto pubblico.

Per l’ennesima volta, qualcuno vorrebbe sfondare il portone del Consorzio che gestisce le piattaforme informatiche e i dati degli enti pubblici della regione per consentire ad aziende private di entrare.

E noi, nuovamente, come già accaduto in questi anno abbiamo il dovere di riflettere e agire. 

Cominciando a porci alcune domande.

E’ desueto riconoscere il valore pubblico di una PA che si coordina tra i suoi vari livelli, che fa cose insieme perché si riconosce portatrice di finalità e progettualità condivise, che si fa sistema sia sul piano alto degli indirizzi e della programmazione, sia su quello operativo della realizzazione?

E’ desueto intendere la PA come soggetto unitario e plurale?

E’ desueto difendere un soggetto pubblico che  può operare fuori da considerazioni di profitto e pertanto può produrre servizi anche laddove non ci sia (ancora o stabilmente) un mercato sufficientemente sviluppato da garantire la sostenibilità economica?

E’ desueto avere questa preoccupazione in un territorio come quello piemontese, caratterizzato dalla presenza di ampie aree montane fortemente svantaggiate sia sul piano infrastrutturale che su quello della capacità economica, oltre che da un’estrema frammentazione della presenza istituzionale (1200 Comuni!), che riduce quasi a zero le capacità di spesa (perfino se aggregata) di gran parte dei nostri Ent?.

E’ desueto pretendere che il CSI continui ad essere precursore sui temi della trasparenza, dell’open government e degli open data?

E’ desueto affermare che il DATO gestito dal CSI è un bene pubblico e in quanto tale deve essere gestito con elementi di garanzia pubblica?

Se il CentroDestra trova desueto tutto cio’, NOI NO. 

E anche questa volta indosseremo l’elmetto per evitare che qualcuno provi a sfondare il portone.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *