• Anche l’ Anci, Torino e la Città metropolitana a Porto Alegre

    La nuova agenda urbana: le priorità, la cooperazione e l’apprendimento, le alleanze strategiche.

    IMG_6073

     

    Due importanti dibattiti politici sul lavoro svolto dalle autorità locali e regionali hanno aperto l’incontro di Porto Alegre:

    Il primo, ha discusso la visione regionale della nuova agenda urbana e rafforzare i legami tra UCLG ed i suoi membri nella regione latino-americana.

    Il secondo dibattito, al quale ho preso parte si è svolto oggi, 11 giugno e ha affrontato un approccio più globale sul tema della nuova agenda urbana: le priorità, la cooperazione e l’apprendimento, alleanze strategiche per sviluppare più partenariati con gli attori che svolgono un ruolo di primo piano nell’agenda internazionale, come ad esempio la società civile e il settore privato.

    IMG_6145_2

    Nella Foto il sindaco di Belo Horizonte Marcio Lacerda – Presidente del FNP, l’associazione di tutti i comuni del Brasile 2015/2016.

    La sessione statutaria del Bureau Esecutivo si è svolta nel pomeriggio di oggi Giovedi, 11 giugno. Al centro dei lavori il dibattito sulla posizione e sulla partecipazione dei governi locali nei prossimi grandi eventi dell’agenda internazionale ed in particolare per i seguenti appuntamenti:

     la Conferenzainternazionalesulfinanziamentodellosviluppo (FfD3) AddisAbeba(luglio13-16)

     il vertice sull’agendapost-2015 per lo sviluppo sostenibile a NewYork nel mese di settembre,

    il Terzo Forum Mondiale dello sviluppo Economico Locale di Torino (13-16 ottobre)

     la COP 21 a Parigi, 30 novembre-11 dicembre 2015

     il prossimo Consiglio mondiale UCLG che si svolgerà sempre a Parigi.

     

     

    Taskforce CGLU sulla risposta dei Governi Locali alle catastrofi

    I membri di Città e Governi Locali Uniti hanno storicamente lanciato missioni di solidarietà nelle aree di crisi.

    Essi sono convinti che in questo campo di lavoro debba essere sviluppata nella CGLU e in cooperazione con i partner internazionali una azione strategica per coordinare e far valere gli sforzi che sovente in modo individuale gli Enti Locali e le Regioi hanno da sempre profuso in operazioni di emergenza.

    Al fine di migliorare la posizione e l’azione dei governi locali di fronte ai disastri e nelle azioni che si occupano delle conseguenze dei disastri, è stato proposto di creare una task force che possa lavorare in contatto con la Commissione Cooperazione allo Sviluppo e Diplomazia delle Città

    La task force fornirà una piattaforma per i governi locali, per lo scambio di conoscenze e competenze in materia di gestione delle catastrofi. Esso migliorerà e farà accrescere la disponibilità dei governi locali e le competenze comuni nei territori colpiti dal e valorizzerà il ruolo dei governi locali nella gestione internazionale delle catastrofi, la resilienza e le risposte alle crisi.

    La Taskforce sulla risposta dei Governi Locali alle catastrofi si propone di integrare i seguenti aspetti:

    •   Dibattito e sostegno alla messa a punto delle politiche CGLU nel campo della gestione delle catastrofi da parte dei governi locali;
    •   Definizione di standard di qualità e altri approcci collettivi come parte di programmi congiunti;
    •   Mantenere / incrementare la capacità dei membri UCLG di mobilitare tecnicamente i propriservizi in occasione di risposta ai disastri;
    •   Discutere / elaborare pareri in relazione al processo decisionale / iniziative delle agenziedelle Nazioni Unite nel settore della gestione dei disastri;
    •   Condividere approcci, strumenti, metodologie e conoscenze sullo sviluppo del programma;http://www.uclg.org/es/organizacion/estructura/comisiones-grupos-de-trabajo/grupo-de-trabajo-sobre-gestion-de- desastres

     

     

    Porto Alegre, città pioniera e riferimento principale per le esperienze sulla gestione

    del bilancio partecipativo locale

    A Porto Alegre il primo Bilancio Partecipativo è stato concepito e lanciato nel 1989. Ma fu solo nel 2005 che si dette il via ad un cmpleto ciclo di formazione e gestione del bilancio partecipativo, attraverso dibattiti, riunioni, definizioni di priorità per ogni fase del ciclo: Riunioni preparatorie, Assemblee regionali e tematiche, Assemblea comunale.

    Il bilancio partecipativo è un processo dinamico che periodicamente si adatta alle esigenze locali, ricercando sempre di facilitare e potenziatore il dialogo diretto tra il governo municipale e la popolazione.

    Il Bilancio Partecipativo è oramai diventato un importante strumento di partecipazione popolare, un riferimento per l’attuazione delle democrazie locali. Secondo le Nazioni Unite, l’esperienza è una delle 40 migliori pratiche mondiali nella gestione pubblica locale. La Banca Mondiale riconosce il processo di partecipazione popolare a Porto Alegre come un esempio di successo di un’azione congiunta tra Governo e la società civile.

    Questo riconoscimento si manifesta in altri modi. Ogni anno, i rappresentanti dei governi brasiliani e stranieri, gli studiosi di tutto il mondo, arrivano nella capitale, al fine di constatare gli avanzamenti del processo partecipativo, parlare con i leader della comunità e conoscere le opere decise da parte della popolazione.

    http://portugalparticipa.pt/upload_folder/table_data/3fc6d075-bfe6-41bd-b012-

    Read More
  • Nuovi negozi di prossimità. A Torino apre la Salsamenteria

    On: 2 febbraio 2015
    In: Articoli, blog, Comunicati Stampa, escluse_home, featured, importante
    Views: 3362
     3

    Salutiamo con entusiasmo la nascita di questi nuovi negozi di prossimità. Investire a Torino, restituendo valore a negozi vuoti da tempo con un’idea coraggiosa e sostenibile merita l’attenzione di noi tutti istituzioni comprese.

    Acquistare cibo locale aiuta l’agricoltura e l’economia del nostro territorio; comprare solo quel che serve e scegliere prodotti sfusi, o confezioni essenziali e riciclabili, riduce sprechi e rifiuti.
    Scegliere un prodotto significa sostenere un’intera comunità, i suoi valori e le sue relazioni.
    Buon lavoro ai 25 giovani neoassunti.

    20150202-115727.jpg 20150202-115737.jpg
    Read More
  • Inaugurazione nuovo Punto Acqua Smat

    On: 4 luglio 2014
    In: Agenda, banner, blog, escluse_home, featured, importante, profilo, rassegna stampa
    Views: 339
     1
    Read More
  • Fioriere in via Garibaldi

    On: 3 luglio 2014
    In: Agenda, banner, blog, featured, rassegna stampa
    Views: 271
     1

    Fioriere realizzate con materiali di recupero sono state poste lungo via Garibaldi. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra il Consorzio Mercato dei fiori di Torino e l’associazione commercianti Torino di Via Garibaldi.

    «Se si vuole nulla si spreca» è questo il leitmotiv che ha portato alla realizzazione delle fioriere di via Garibaldi. Con questa frase Emilio Fugazzi, presidente del Consorzio Mercato dei Fiori, riassume il senso dei quindici bancali posti lungo la via che collega piazza Castello a piazza Statuto.
    L’iniziativa vede la collaborazione del Consorzio con l’associazione commercianti di Torino via Garibaldi. L’idea era già stata comunicata all’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta e presentata anche durante il Salone del Libro. Al centro del progetto la volontà di recuperare quei bancali che vengono utilizzati per la consegna delle merci e che, altrimenti, finirebbero per essere portati in discarica. «Sono di tipo Euro 3» spiega Fugazzi riferendosi alle bancali di legno: di una qualità molto alta, dunque, che garantisce una maggiore solidità.
    Il riciclo e il riuso si integrano nel contesto urbano e rendono più piacevole l’ambiente attraverso scelte e iniziative sostenibili.
    Da ora in poi si potrà godere della vista di gerani e verbene mentre si passeggia, di fiori che sono coltivati dai floricoltori della provincia e, quindi, simbolo del km 0. Per ora alcuni cittadini torinesi hanno apprezzato l’idea e richiesto al presidente Fugazzi di coprire con fioriere anche altre zone della città.

    Read More
  • Lettera del prof. Francesco TUCCARI

    On: 8 maggio 2011
    In: banner, blog, featured, importante
    Views: 469
     Like

    Francesco Tuccari è professore ordinario di Storia delle dot-trine politiche presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'U-niversità di Torino. E' Direttore del Dipartimento di Studi Politici.

    Care amiche e cari amici,

    come sapete ho sempre esercitato il mio ruolo di studioso e docente universitario con passione intellettuale e civile. Con questo spirito l’anno scorso, in una fase di grave crisi della democrazia e delle istituzioni (purtroppo tuttora perdurante), ho scelto di accettare la proposta di candidarmi come indipendente alle elezioni regionali, nello schieramento di centro sinistra, scegliendo di mettere al servizio dell’inte¬resse generale le mie competenze.
    Devo ammettere che quella è stata un’esperienza importante dal punto di vista umano e intellettuale. Un’esperienza che, anche se non sono stato eletto, mi ha segnato assai positivamente. Dopo di allora ho quindi continuato (e continuerò insieme a un gruppo di amici) a mettere a disposizione il mio contributo per tentare di ren-dere questo Paese un po’ migliore, per quello che posso fare.

     

     

    A questo proposito, vorrei ricordarvi che sono ormai im-minenti le elezioni amministrative del 15-16 maggio della Città di Torino. Saremo chiamati a eleggere un nuovo sindaco e a rinnovare il Consiglio Comunale e le 10 Circoscrizioni cittadine.

    Vorrei pertanto invitarvi a votare per Piero Fassino e per il centro sinistra.

    Con queste elezioni il centro sinistra ha la possibilità di continuare a governare per chiudere un ciclo iniziato nel lontano 1993, che ha portato a una radicale trasformazione della nostra città. Inoltre la consultazione amministrativa si tinge di rilevanti significati nazionali in questo fase di acuta crisi sociale, economica e politica.

    Credo anche che questo sia un momento importante per im-porre un rinnovamento generazionale e politico all’amministrazione della nostra Città e per far emergere, accanto alle fondamentali ri-sorse dell’esperienza, una nuova generazione di politici attenti al bene comune e capaci di portare una ventata di rinnovamento nel dibattito politico.

    In questa prospettiva, vorrei invitarvi a votare per il Consiglio comunale un giovane, Enzo Lavolta (32 anni), candidato nelle liste del Pd.

    Ho potuto conoscere e frequentare Enzo Lavolta durante la campagna elettorale (è il coordinatore del gruppo che ha scritto il programma di Piero Fassino): è un giovane brillante, preparato e capace, che unisce l’impegno pubblico all’attività professionale (è consulente del lavoro) e che ai miei occhi incarna al meglio la pas-sione per la politica coniugata alla competenza.

    Ho apprezzato la storia umana e politica di Lavolta (di cui po-tete trovare traccia sul suo blog http://www.enzolavolta.it), la sua battaglia al fianco delle vittime della Thyssen, il modo in cui ha svolto il ruolo di Presidente della Commissione lavoro del Consiglio Comunale, la sua attenzione per le tematiche della cultura, dell’internazionalizzazione, dell’associazionismo.

    Sono sicuro che Lavolta, uno dei pochi consiglieri presenti al 98% delle sedute nei 5 anni passati in Consiglio comunale, svolge-rà al meglio il proprio ruolo e invito tutti voi a votarlo, come farò io.

    Vi chiedo quindi da qui al 15-16 maggio di convincere pa-renti, amici e conoscenti residenti nella nostra Città a scrivere sulla scheda azzurra accanto al simbolo del Partito Democratico il nome Enzo Lavolta.

    Con amicizia
    Francesco Tuccari

    Read More
  • ECO delle ELEZIONI

    On: 5 maggio 2011
    In: banner, blog, escluse_home, featured
    Views: 424
     Like

     

    Ho scelto di condividere con chi mi sostiene in questa campagna elettorale un uso responsabile e cosciente dei materiali e dei mezzi solitamente utilizzati per ottenere il voto di preferenza.

    Ho scelto la stampa del materiale propagandistico su carta ecologica e/o riciclata;
    Ho scelto di utilizzare in maniera corretta gli spazi affissionali contro l’attacchinaggio selvaggio;
    Ho scelto di riciclare, al termine della campagna elettorale, tutto il materiale cartaceo non utilizzato;

    Ho scelto di predisporre all’interno del comitato un sistema efficiente di raccolta differenziata.

    Sono convinto che l’impegno in questo senso, di tutti ed in particolare di chi come me si che si propone quale rappresentante pubblico, sia fondamentale per diffondere i principi e le pratiche dello sviluppo sostenibile.

    L’obiettivo più generale è la diffusione di una cultura ambientale ed una conoscenza di base sugli “strumenti di sostenibilità” utili per intraprendere percorsi ambientali sostenibili: in altri termini gli obiettivi di tutela ambientale sono anche occasioni consapevoli per azioni di sviluppo sociale ed economico.

    Enzo Lavolta

     

     

    ECO OFFSET

    Un prodotto Eco Offset differisce da uno stampato tradizionale per una serie di varianti ecologiche nel ciclo di produzione. 

    Per la sua realizzazione si utilizzano infatti impianti alimentati da energia rinnovabile, si privilegiano carte riciclatee/o certificate e si scelgono inchiostri e solventi meno inquinanti.

    E’ stata inoltre introdotta una politica diriduzione degli sprechi e degli scarti. Gliimballi tradizionali sono sostituiti con quelli riciclati e la consegna è effettuata con mezzi ecologici.

    Si cerca infine di evitare le lavorazioni più nocive e, in caso questo non sia possibile, il processo è caratterizzato da un monitoraggio continuo che riduce al minimo i danni per l’ambiente.

    I prodotti Eco Offset hanno quindi un impatto ambientale notevolmente ridotto rispetto ai medesimi realizzati con un ciclo di produzione tradizionale e l’applicazione di tutti questi accorgimenti da parte di Gam Edit rende Eco Offset la sua intera linea di prodotti.

     

     

    Read More
  • con Piero Fassino Sindaco

    On: 25 aprile 2011
    In: banner, blog, featured, importante, profilo, rassegna stampa
    Views: 578
     Like

    LA STAMPA – 10-01-2011, TORINO, pag.56

    Enzo Lavolta, coordinatore del programma

    ”Io, trentenne con Fassino Contano le idee, non l’eta”

     

    «Io non sono un rottamatore. Sono un costruttore. L’eta’ dei candidati non mi interessa. Quel che conta e’ l’innovazione della proposta politica».  ENZOLAVOLTA, 32 anni, e’ uno dei giovani in rampa di lancio nel Pd torinese. Presidente della commissione Lavoro di Palazzo Civico, e indicato mesi fa come uno dei possibili successori di Chiamparino, sara’ il coordinatore del programma di Fassino. Un trentenne a fianco del candidato meno giovane? «Ho accettato di dare il mio contributo perche’ credo nei programmi, meno nei simboli. E sono convinto che si possa dar vita a un progetto innovativo per la citta’». Come coordinera’ operativamente i «saggi» chiamati a collaborare con l’ex segretario Ds? «Sottoporro’ un decalogo di priorita’ che, a mio avviso, necessitano di un’innovazione delle politiche finora perseguite. Se il centro sinistra vuole vincere la sfida del futuro deve osare, non limitarsi a difendere cio’ che si e’ realizzato». Faccia un esempio. «I giovani. Oggi uno su quattro, tra 20 e 30 anni, e’ in cerca di occupazione e tra gli occupati il contratto di lavoro e’ quasi sempre temporaneo, spesso con competenze e professionalita’ non riconosciute. Dev’essere la priorita’ assoluta: ai giovani e’ impedito di progettare un futuro; certi pensionati vivono ancora garantiti nella societa’ pre-globale». La citta’ ha competenze dirette in materia? «Il Comune non puo’ contribuire alla precarizzazione del lavoro con bandi per l’erogazione di servizi la cui base d’asta non consente di coprire il reale costo del lavoro. Deve farsi promotore di un’inversione di tendenza. E poi, penso a una citta’ capace di valorizzare creativita’ e innovazione, esaltare le individualita’ e il lavoro di rete: 10 ingegneri in gruppo progettano come se fossero 100; da soli progettano per quanti sono». Innovare vuole dire aprirsi. «E infatti l‘internazionalizzazione e’ un capitolo fondamentale. In questi anni si sono sviluppate le nostre eccellenze, ci siamo aperti al mondo. Non si e’ ancora fatto abbastanza, e’ una strada da rafforzare. Torino deve diventare uno dei crocevia che contano, capace di attrarre scienziati, intellettuali, designer, creativi. Dobbiamo essere ”una serra di idee”. In questa direzione vanno la rete Wi-fi pubblica e il processo di informatizzazione dei servizi del Comune». Con quali fondi? Ancora oneri di urbanizzazione? «Le trasformazioni ancora in atto (spina 3 e 4) andranno completate, e la crisi che dell’edilizia ci chiede di pensare allo sviluppo urbanistico con strategie di lungo periodo, oltre la necessita’ contingente di colmare gli ultimi ”vuoti” all’interno della citta’. C’e’ l’opportunita’ di riequilibrare lo sviluppo edilizio, quasi esclusivamente residenziale, dell’ultimo periodo per costruire spazi urbani in grado di attrarre imprenditori».

    Read More
  • Comitato elettorale Torino2020 per Enzo Lavolta

    On: 15 aprile 2011
    In: blog, featured
    Views: 378
     Like
    Interno del Comitato elettorale Torino2020 per Enzo Lavolta

    Interno del Comitato elettorale Torino2020 per Enzo Lavolta

    Enzo Lavolta, al termine di cinque anni di mandato come Consigliere Comunale della Città di Torino durante i quali ha ricoperto l’incarico di Presidente della Commissione Commercio e Lavoro, in preparazione della prossima scadenza amministrativa domenica 10 aprile alle ore 19 inaugura la sede del suo comitato elettorale insieme al candidato sindaco Piero Fassino.
    Un luogo simbolico quello scelto per una campagna che si preannuncia dinamica e ricca di contenuti, proprio come questo edificio ecocompatibile di via Balme, 32, nel cuore del caratteristico Borgo Campidoglio e a pochi passi dalla sede del Circolo PD della Circoscrizione IV, il territorio in cui Lavolta è cresciuto.
    Lo stabile che ospita il comitato, una casa d’epoca tipica di questo quartiere ristrutturata nello scorso decennio, è stato sistemato usando esclusivamente materiale naturale e con il completo riciclo dei rifiuti prodotti in lavorazione nel cantiere stesso. Energeticamente integra l’uso del solare, per il riscaldamento e la produzione di acqua calda, con una caldaia di supporto a pellet.
    La “Eco casa perla”, come il suo progettista l’ha chiamata, quando fu realizzata rappresentava il primo caso in Italia di immobile così concepito, contemporaneamente a un caso analogo nel milanese. Oltre a quattro appartamenti, l’edificio presenta al piano terreno un’area per iniziative sociali e a disposizione della cittadinanza del quartiere. Un’ultima nota riguarda la facciata, dipinta dal compianto pittore rivolese Antonio Carena, interessante esempio di arte urbana.
    Una collocazione coerente con l’azione politica condotta da Enzo Lavolta in questi anni di esperienza amministrativa e di impegno civico: con l’associazione TORINO 2020 (www.torino2020.it) da lui fondata, ha approfondito e promosso in più occasioni le tematiche ambientali. La sostenibilità non è infatti solo una parte di un programma politico di un candidato attento all’ambiente, ma è il fondamento sul quale costruire sviluppo, con investimenti imprenditoriali privati, lavoro e una Torino più vivibile e più bella.

    Read More
  • Inaugurazione Comitato Enzo Lavolta

    On: 11 aprile 2011
    In: blog, escluse_home, featured, importante, profilo
    Views: 323
     Like

    Queste poche righe per ringraziartTi di aver partecipato Domenica 10 aprile all’inaugurazione della sede del mio comitato elettorale. Abbiamo partecipato in molti,  ci siamo ritrovati e abbiamo condiviso visioni e obiettivi.

    La campagna elettorale che abbiamo immaginato si basa su contenuti concreti, tangibili e vuole porre l’accento sull’importanza delle scelte e sull’impatto che le azioni conseguenti hanno sulla quotidianità dei cittadini torinesi. Questa è la mia scelta per la campagna di comunicazione oltre ad essere, per me, un modello del fare politica. Ma la comunicazione, come l’amministrazione, è efficace se condivisa e sostenuta dalle persone, dal loro entusiasmo e dall’amore per la Nostra Città.

    Facciamoci conoscere, contagiamo della nostra passione il maggior numero di torinesi.

    Siamo in tanti….AVANTI TUTTA!

     

    Read More
  • Capitale del lavoro

    On: 18 marzo 2011
    In: banner, featured
    Views: 326
     Like

    Sogno Torino capitale del rinnovamento.

    Sogno i cittadini di questa città capaci di guardare al futuro.

    Sogno Torino in grado di immaginare un nuovo domani e abile nel costruirlo.

     

    Enzo LAVOLTA

    Read More