• Inaugurazione nuovo Punto Acqua Smat

    On: 4 luglio 2014
    In: Agenda, banner, blog, escluse_home, featured, importante, profilo, rassegna stampa
    Views: 339
     1
    Read More
  • Torino più pulita: nuove piste ciclabili e aumento delle aree pedonali „Torino più pulita senza euro3diesel, Lavolta: “310 km di piste ciclabili per il 2025”

    On: 24 marzo 2014
    In: blog, importante, profilo
    Views: 333
     Like

     

    orino più pulita: nuove piste ciclabili e aumento delle aree pedonali

    Torino più pulita: nuove piste ciclabili e aumento delle aree pedonaliGrazie al progetto “antismog” a Torino si respira meglio. L’assessore comunale all’Ambiente Lavolta annuncia la realizzazione di 310 Km di piste ciclabili per il 2020 e nuove aree pedonali.

    Il piano “antismog” sperimentato in questi ultimi 33 giorni e che ha visto, per i veicoli euro 3 diesel un blocco completo dalla viabilità in zona Ztl centrale, ha dato risultati positivi. A Torino si respira aria più salubre: la qualità dei gas che inaliamo è infatti migliorata complessivamente dell’8% per l’ossido di azoto del 34%. A comunicarlo, in Sala Rossa, l’assessore comunale all’Ambiente Enzo Lavolta, soddisfatto, inoltre, di tutti i progetti che stanno continuando a delinearsi in vista di una Città di più pulita.

    Sì, perchè anche il sistema ferroviario metropolitano ci ha messo del suo, aumentando notevolmente il livello del servizio: sono, infatti 7 le linee in funzione con 326 collegamenti al giorno, con un treno ogni 10 minuti e 85 stazioni servite. Il trasporto di superficie Gtt ha visto, invece, la sostituzione di alcuni veicoli inquinanti con l’introduzione di altrettanti elettrici e 259 bus euro 5. Continua, poi, attraverso la costruzione di nuove piste ciclabili, il progetto “biciplan”, in collaborazione con le Circoscrizioni e le associazioni di ciclisti, approvato lo scorso anno.

    “Sono molti i percorsi ciclabili in fase di realizzazione – ha affermato l’assessore Enzo Lavolta – Tra le tante, quelle in via Anselmetti, piazza Cirene, Villaretto, Fioccardo, torrente Stura (lato destro), via Montebello e corso Novara”. L’obiettivo è quello di raggiungere per il 2020, il 15% degli spostamenti urbani in bicicletta, ed entro 10 anni una rete di piste ciclabili che raggiunga i 310 km, contro i 175 Km attuali. Solo nel 2014, infatti, sono 150 gli archetti acquistati per la sosta delle biciclette e sono in fase di approvazione numerose iniziative per sensibilizzare i cittadini ad utilizzare questa vettura a costo zero.

    Torino più pulita: nuove piste ciclabili e aumento delle aree pedonali
    Nuovi progetti in vista anche per ciò che riguarda l’aumento delle aree pedonali: solo nel 2013 le aree in cui si può camminare a piedi senza paura di essere investiti sono aumentate di 18.500 metri quadrati e sono in vista nuovi piani di pedonalizzazione per via Roma e via San Donato.

    Read More
  • Torino disegna la Citta’ Smart con un piano strategico: SMILE

    On: 14 dicembre 2013
    In: Agenda, banner, blog, escluse_home, profilo
    Views: 407
     Like
    20140708-220136.jpg
    Read More
  • ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO: Torino scelta per ospitare il Congresso mondiale IFLA nel 2016

    On: 5 settembre 2012
    In: importante, profilo, rassegna stampa
    Views: 350
     Like

    La Città di Torino si è aggiudicata l’organizzazione della 53ma edizione del Congresso dell’IFLA (International Federation of Landscape Architects), nel 2016. La votazione è arrivata al termine del Consiglio della Federazione, a Cape Town. Il capoluogo piemontese ha avuto la meglio su Istanbul per 32 voti contro 12.

    L’Assessore torinese all’Innovazione, Sviluppo e Sostenibilità Urbana, Enzo Lavolta, presente a Cape Town, ha espresso il vivo apprezzamento della sua Amministrazione per l’azione di sostegno condotta dal MAE e dalla rete diplomatica. In un videomessaggio il Sindaco Fassino ha sottolineato il valore della candidatura di Torino al Congresso come parte di un percorso di rinascita e riqualificazione della città, nonche’ il rilievo del turismo congressuale e degli eventi nell’economia cittadina.

    http://www.esteri.it/MAE/IT/Sala_Stampa/ArchivioNotizie/Approfondimenti/2012/09/20120905_Architettura.htm

     

    Read More
  • Smart City, gli studenti Ied regalano i loro progetti di futuro

    On: 27 marzo 2012
    In: blog, importante, profilo, rassegna stampa
    Views: 414
     Like

    Nel dicembre del 2011 su iniziativa del Consiglio comunale la Città deliberava di affidare all’Istituto europeo per il design (Ied) l’incarico di realizzare il logo del progetto Smart city, che vede Torino impegnata in un importante progetto europeo.
    Smart city, sono ormai in molti a saperlo, significa città intelligente. Intelligente significa che, tanto per cominciare, non si fa del male inquinandosi, paralizzandosi nel traffico, sprecando energie e risorse naturali e umane.
    progetto selezionatoprogetto selezionatoprogetto selezionato

     

    Dunque siamo Smart se ci spostiamo in modo sostenibile(bicicletta, mezzi pubblici, veicoli elettrici, car sharing, car pool eccetera). Siamo Smart se non buttiamo via il cibo, se non produciamo troppi rifiuti, se li ricicliamo. Siamo Smart se connettiamo le risorse esistenti e le valorizziamo, a partire dall’intelligenza.. il che ci riporta al principio di questo ciclo virtuoso fondato sulla razionalità.

    Il tema, come si vede, è molto chiaro ma anche estremamente sfaccettato, quanto lo è la complessa organizzazione di una metropoli moderna.
    Così nella mattinata del 27 marzo, ragazzi e docenti dello Ied, assieme al loro direttore Cesar Mendoza, sono venuti in Comune dove li aspettavano il presidente del Consiglio comunale Giovanni Maria Ferraris, l’assessore all’ambiente Enzo Lavolta ed Andrea Tronzano,capogruppo del Pdl, a presentare 12 progetti grafici, di altrettanti ragazzi. Ognuno di loro ha declinato il proprio progetto nei diversi contesti di utilizzo: affissioni pubbliche , corrispondenza istituzionale, applicazioni per smartphone e tablets, allestimento di sale da convegno, oggettistica.
    Ogni progetto èaccompagnato dal suo “claim”. Eccone alcuni: “il modo intelligente di unire opportunità e risorse…join the future…do you feel smart?..Torino cambia faccia”. Cromie dominanti nelle grafiche, l’azzurro ed il verde.
    Ferraris nell’aprire l’incontro, ha ricordato che Torino ha già da tempo imboccato la via smart “grazie a progetti come “patto dei sindaci” (più 20% di risparmio energetico, più 20% riciclaggio dei rifiuti – 20% di inquinamento entro il 2020), o

    foto di gruppo finale

     

    il Pums: piano per lamobilità sostenibile” e si è detto felice di poter “contare sulla creatività dei ragazzi per lavorare assieme per il bene comune”.
    Anche Lavolta ha centrato il suo breve discorso sui ragazzi e sulla loro creatività come risorsa per la città che deve trasformarsi grazie a processi di partecipazione attiva al cambiamento ed alla sua progettazione.“Solo pochi giorni fa – ha detto- lo Ied era protagonista della premiazione di progetti che avevano per tema la Torino del futuro e anche oggi voi presentate non solo un logo, ma un’idea di futuro per la Città”.
    Ragazze e ragazzi hanno presentato il proprio lavoro commentandone l’origine concettuale e le soluzioni formali che ne sono derivate, dimostrando di avere svolto una profonda riflessione sul futuro, a partire da una consapevolezza della storia della Città e del suo momento presente. La commissione giudicatrice si è poi subito riunita selezionando tre lavori tra tutti: quelli di Manuele Parola, Massimiliano Tarizzo e Rachele Coregher.

     

    Vai al blog con i 12 progetti di logo dello Ied

    Read More
  • con Piero Fassino Sindaco

    On: 25 aprile 2011
    In: banner, blog, featured, importante, profilo, rassegna stampa
    Views: 578
     Like

    LA STAMPA – 10-01-2011, TORINO, pag.56

    Enzo Lavolta, coordinatore del programma

    ”Io, trentenne con Fassino Contano le idee, non l’eta”

     

    «Io non sono un rottamatore. Sono un costruttore. L’eta’ dei candidati non mi interessa. Quel che conta e’ l’innovazione della proposta politica».  ENZOLAVOLTA, 32 anni, e’ uno dei giovani in rampa di lancio nel Pd torinese. Presidente della commissione Lavoro di Palazzo Civico, e indicato mesi fa come uno dei possibili successori di Chiamparino, sara’ il coordinatore del programma di Fassino. Un trentenne a fianco del candidato meno giovane? «Ho accettato di dare il mio contributo perche’ credo nei programmi, meno nei simboli. E sono convinto che si possa dar vita a un progetto innovativo per la citta’». Come coordinera’ operativamente i «saggi» chiamati a collaborare con l’ex segretario Ds? «Sottoporro’ un decalogo di priorita’ che, a mio avviso, necessitano di un’innovazione delle politiche finora perseguite. Se il centro sinistra vuole vincere la sfida del futuro deve osare, non limitarsi a difendere cio’ che si e’ realizzato». Faccia un esempio. «I giovani. Oggi uno su quattro, tra 20 e 30 anni, e’ in cerca di occupazione e tra gli occupati il contratto di lavoro e’ quasi sempre temporaneo, spesso con competenze e professionalita’ non riconosciute. Dev’essere la priorita’ assoluta: ai giovani e’ impedito di progettare un futuro; certi pensionati vivono ancora garantiti nella societa’ pre-globale». La citta’ ha competenze dirette in materia? «Il Comune non puo’ contribuire alla precarizzazione del lavoro con bandi per l’erogazione di servizi la cui base d’asta non consente di coprire il reale costo del lavoro. Deve farsi promotore di un’inversione di tendenza. E poi, penso a una citta’ capace di valorizzare creativita’ e innovazione, esaltare le individualita’ e il lavoro di rete: 10 ingegneri in gruppo progettano come se fossero 100; da soli progettano per quanti sono». Innovare vuole dire aprirsi. «E infatti l‘internazionalizzazione e’ un capitolo fondamentale. In questi anni si sono sviluppate le nostre eccellenze, ci siamo aperti al mondo. Non si e’ ancora fatto abbastanza, e’ una strada da rafforzare. Torino deve diventare uno dei crocevia che contano, capace di attrarre scienziati, intellettuali, designer, creativi. Dobbiamo essere ”una serra di idee”. In questa direzione vanno la rete Wi-fi pubblica e il processo di informatizzazione dei servizi del Comune». Con quali fondi? Ancora oneri di urbanizzazione? «Le trasformazioni ancora in atto (spina 3 e 4) andranno completate, e la crisi che dell’edilizia ci chiede di pensare allo sviluppo urbanistico con strategie di lungo periodo, oltre la necessita’ contingente di colmare gli ultimi ”vuoti” all’interno della citta’. C’e’ l’opportunita’ di riequilibrare lo sviluppo edilizio, quasi esclusivamente residenziale, dell’ultimo periodo per costruire spazi urbani in grado di attrarre imprenditori».

    Read More
  • Inaugurazione Comitato Enzo Lavolta

    On: 11 aprile 2011
    In: blog, escluse_home, featured, importante, profilo
    Views: 323
     Like

    Queste poche righe per ringraziartTi di aver partecipato Domenica 10 aprile all’inaugurazione della sede del mio comitato elettorale. Abbiamo partecipato in molti,  ci siamo ritrovati e abbiamo condiviso visioni e obiettivi.

    La campagna elettorale che abbiamo immaginato si basa su contenuti concreti, tangibili e vuole porre l’accento sull’importanza delle scelte e sull’impatto che le azioni conseguenti hanno sulla quotidianità dei cittadini torinesi. Questa è la mia scelta per la campagna di comunicazione oltre ad essere, per me, un modello del fare politica. Ma la comunicazione, come l’amministrazione, è efficace se condivisa e sostenuta dalle persone, dal loro entusiasmo e dall’amore per la Nostra Città.

    Facciamoci conoscere, contagiamo della nostra passione il maggior numero di torinesi.

    Siamo in tanti….AVANTI TUTTA!

     

    Read More
  • Enzo Lavolta

    On: 18 marzo 2011
    In: profilo
    Views: 558
     Like
    Enzo Lavolta

    Enzo Lavolta

    Ho 32 anni, vivo a Torino con Angela e nostra figlia Neda di 10 mesi.

    Sono Consulente del Lavoro.

    La politica è la mia passione: è per passione che ho fatto il consigliere nella IV circoscrizione dal 2001 al 2006 e nel 2006 sono stato eletto consigliere comunale.

    Dieci anni intensi in cui, ne sono orgoglioso, il centro sinistra ha ben governato una città nel periodo più delicato della sua
    trasformazione.

    Il 15 e 16 maggio mi ricandido al Consiglio Comunale della Città di Torino. Mi sono impegnato, in questi ultimi mesi, a coordinare il lavoro di definizione del programma del candidato Sindaco Piero Fassino.
    La passione, l’impegno e l’entusiasmo profuso nell’immaginare la Torino del 2020 sono gli strumenti che metto a disposizione per realizzare una Gran Torino.

     

    Enzo Lavolta

    Read More